image

Franca Ferrari

progetto d.arte danza contemporanea

una seconda vita

“la danza è un percorso
senza fine”

L’incontro con la danza, nel 1971, dà inizio a quella che considera la sua seconda vita, perché intuisce che la danza è un percorso senza fine e per questo motivo soddisfa la sua esigenza di cambiamento. Un cambiamento che è assolutamente necessario in quel momento difficile della sua esistenza, ma che diventerà il leimotiv del suo lavoro e del suo pensiero.

Prima d’incontrare la danza ha lavorato in campo editoriale (Linus e casa editrice Garzanti) poi ha maturato esperienze di vita in Africa, in Mozambico.

Studia con due maestri importanti: Rosalia Chladek e Dominique Dupuy. E considera suo maestro anche suo padre Urbano Ferrari, fisico. Infatti quando annuncia in famiglia “vado in Francia a studiare danza” suo padre risponde “allora devo assolutamente farti un corso di dinamica” e così facendo imposta la sua visione della danza. Questa impostazione influenza anche l’insegnamento che riceve dagli altri due maestri. Insegnamento che Franca Ferrari organizza proprio seguendo l’impostazione dinamica e la danza diventa per lei la relazione tra corpo e forze fisiche.

La sua ricerca e il suo pensiero sono testimoniati in
LESSICO DINAMICO un video-dizionario.


"Con il corpo intendo la vita intera"
L’enciclopedia delle donne festeggia Franca Ferrari

Leggi il racconto
image

La danza è una pratica, l’azione performativa il risultato di un processo creativo

 
image

Franca Ferrari coreografa

Danzatrice, insegnante di danza contemporanea, e operatrice culturale

 

 

Background

"Lessico dinamico"

un video-dizionario di Franca Ferrari a cura di Simona Da Pozzo.
Il progetto ha una struttura modulare e processuale. E' uno strumento di riflessione iniziato nell’ottobre 2013, intende comunicare un punto di vista e raccoglierne altri.

 

Esplora il Progetto
Citazioni dai video
  • "Il corpo è un’intelligenza"
  • "Parlando di direzioni nello spazio parlavo di forze"
  • "Le parole che escono dal corpo"
  • "L’ascolto è un comportamento"
  • "Imparare la danza inserendosi in un mondo"
  • "Stare tra ciò che conosco e ciò che conoscerò"
FRANCA FERRARI NEGLI ANNI

coreografa, insegnante di danza contemporanea e operatrice culturale. 

Franca Ferrari

Cadeaux Mainòl

Article Image

Dal 1990 al 2010, Franca Ferrari crea la Compagnia Cadeaux Mainòl, oltre a vari spettacoli produce due opere video: “Rewind remind and forward” (vince il 2° premio al concorso Il coreografo elettronico) e “Appunti”.


D.arte

Article Image

Nel 2011 fonda la Compagnia “Progetto D.Arte”. Basata sulla ricerca di un nuovo modo di fare spettacolo: creare “moduli tematici di improvvisazione” da comporre in una struttura coreografica.

La danza è una pratica, l’azione performativa il risultato di un processo creativo. Questi sono i punti cardine della produzione di Progetto D.Arte.

“Scelta R.evocabile” (vince il Premio Confine Corpo al concorso Le Voci dell’Anima) “a(t)tratti” “R.evocabile” e l’azione performativa “Sorgente”. Molte le performance create ad hoc per importanti musei italiani (Museo del 900 di Milano, Museo della Scienza e Tecnologia di Milano, GAMeC di Bergamo, MAMbo di Bologna, nel l’ottobre 2016 la Triennale di Milano)

Nel 2016 si apre una nuova fase, Franca Ferrari ha due obiettivi: presentarsi all’estero, prima tappa la Cina, e stabilire collaborazioni con altre Compagnie di danza in Italia.


Insegnante & ricercatrice

Molto importante è il suo percorso di formatrice: insegna dal 1979. Nel 1981 apre a Milano il Centro di danza contemporanea C.I.M.D. Dal 1993 al 2003 il C.I.M.D è una delle scuole riconosciute dal Ministero della Cultura francese per la preparazione al DE (Diplome d’Etat) per la danza contemporanea. E’ infatti sede italiana della prestigiosa scuola francese R.I.D.C. diretta da Brigitte Hyon, con cui stabilisce una preziosa collaborazione. Dal 2004 Franca Ferrari propone in Italia una formazione professionale per il danzatore contemporaneo indipendente dalle istituzioni.


Operatrice culturale

E’ sua l’idea del festival PIU’ CHE DANZA, in collaborazione con il teatro CRT Triennale dell’Arte di Milano diretto da Franco Laera. La prima edizione nel 2014. Questo festival è dedicato ai linguaggi performativi della creatività contemporanea con attenzione specifica agli artisti del territorio della Lombardia.


L'impegno pubblico per la danza

E’ attenta alle politiche culturali del proprio settore. E’ presidente del c-DAP Lombardia Coordinamento Danza e Arti Performative Contemporanee. Dal 2011 al 2014 ha fatto parte dell’ufficio di presidenza di Federdanza (Agis nazionale).


PHOTO CREDIT
Cadeaux Mainòl: Photo Courtesy © Daniel Soto | Lessico Dinamico: video-frame Courtesy © Simona da Pozzo.
Photo a pieno schermo & Photo Ritratti di Franca Ferrari & Photo D.Arte: Courtesy © Fashioningmedia.com.